sito ufficiale tavolo ecclesiale servizio civile

« Istituita Giornata nazionale memoria delle vittime delle mafie | Home | Nannicini su lavoro e giovani: "estendere esempio positivo servizio civile" »

Al Sottosegretario Bobba la delega al servizio civile ed ai giovani

Luigi_Bobba3Il Consiglio dei Ministri riunito a Palazzo Chigi il 3 marzo ha conferito al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, le funzioni, attualmente in capo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in materia di politiche giovanili, servizio civile nazionale e universale, nonché all’integrazione. Nello stesso giorno il Ministro Poletti, ha comunicato che “le deleghe in materia di politiche giovanili, di servizio civile nazionale e universale, nonché di integrazione, come nel precedente Governo, verranno affidate le prime due  al Sottosegretario di Stato on. Luigi Bobba e la terza al Sottosegretario di Stato on. Franca Biondelli”. «Esprimiamo grande soddisfazione per le deleghe affidate dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali al Sottosegretario Luigi Bobba che sin dall’inizio ha sostenuto, seguito e promosso il processo di riforma del Terzo Settore e del Servizio Civile Universale», ha affermato Enrico Maria Borrelli, presidente del Forum Nazionale Servizio Civile.

«Con l'assegnazione delle deleghe per il servizio civile al Ministro Poletti da parte del Consiglio dei Ministri, che ha accolto la proposta del Presidente Gentiloni - ha dichiarato Licio Palazzini, presidente della CNESC - finisce il pericoloso limbo in cui era finito il servizio civile, situazione che aveva causato alcuni inediti danni ai giovani e agli enti». «La successiva decisione del Ministro Poletti, che ricordiamo decise di investire sul servizio civile 146 milioni di fondi residui, di affidare la delega al Sottosegretario Bobba, viene incontro a quella richiesta di continuità politica che la Cnesc aveva chiesto già a dicembre 2016», aggiunge Palazzini. «La conferma dell’on. Bobba - ha scritto la Rappresentanza nazionale dei volontari -, persona che coniuga competenza specifica nel settore unita alla maturata conoscenza nel corso degli ultimi tre anni, rappresenta per noi una buona notizia perché numerosi atti in cantiere possono così sperare di essere portati a termine: pensiamo a tutto il processo di riforma del Terzo Settore e del Servizio Civile Universale».

marzo 6, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Storia del SC | Permalink

Commenti

Scrivi un commento