sito ufficiale tavolo ecclesiale servizio civile

29 aprile, i giovani in servizio delle Caritas della Puglia sulle orme di don Tonino Bello

Locandina-1La delegazione regionale delle Caritas di Puglia, attraverso il Nucleo regionale per l’educazione dei giovani alla solidarietà, organizza la 5ª Giornata regionale dei giovani volontari per ricordare la figura di don Tonino Bello, vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi e testimone di Pace. Quest’anno - spiega il SIR - «in occasione del 25° anniversario della sua morte e grati per la presenza e la preghiera di Papa Francesco», le Caritas diocesane di Puglia si ritroveranno a Molfetta il prossimo 29 aprile, presso il Palazzo vescovile, il Museo diocesano e i luoghi cari a don Tonino. «La finalità principale della giornata – si legge in una nota – è quella di riflettere sull’idea forte che don Tonino Bello aveva nell’essere "costruttori di una città fondata sulla convivialità delle differenze". Per questo il titolo della manifestazione è "In piedi costruttori di pace", così come riportato sulla sua tomba». I destinatari della giornata saranno i giovani che operano a vario titolo nelle Caritas diocesane e parrocchiali: volontari in servizio civile, volontari dell’AVS (Anno di Volontariato Sociale), giovani impegnati nelle diverse attività pastorali e sociali a favore degli ultimi ed emarginati.

Ad aiutare i giovani nella riflessione sarà Angela Paparella dell’Azione Cattolica di Molfetta con la relazione “Giovani ispirati da don Tonino”. I giovani, poi, si confronteranno attivamente in cinque laboratori tematici condotti da uomini e donne che hanno conosciuto direttamente don Tonino Bello e che, a seguito di tale incontro, hanno orientato la propria vita al servizio degli ultimi oppure si sono lasciati ispirare dalla sua opera. I temi dei laboratori, generatori di un nuovo lessico, tanto cari a don Tonino, sono: “Pace e nonviolenza”, con Rosa Siciliano, direttore editoriale di “Mosaico di Pace”; “Accoglienza”, con don Maurizio Tarantino, direttore della Caritas diocesana di Otranto; “Giustizia”, con Franco di Palo, assistente sociale; “Servizio”, con Mimmo Pisani, vicedirettore della Caritas diocesana di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi; “Custodia del creato”, con Francesco Delfino della Caritas diocesana di Andria. Nel pomeriggio, dopo aver visitato la mostra su don Tonino presso il museo diocesano e il duomo con il crocifisso “Collocazione provvisoria”, la riflessione continuerà con il monologo dell’attore Michele Santeramo intitolato “OLTREtutto – più vicino a don Tonino Bello”. La giornata si concluderà con la celebrazione eucaristica in cattedrale presieduta dal vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, mons. Domenico Cornacchia. Ai partecipanti sarà data donata copia del testo di don Tonino intitolato “Cari Ragazzi” edito da “Luce e Vita”.

aprile 24, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile, XIX Assemblea nazionale dei delegati regionali dei volontari

Image1-250x141Si svolgerà oggi e domani, 13 e 14 aprile, a Roma presso il Centro congressi dell’Istituto Superiore Antincendi, la XIX Assemblea nazionale dei delegati regionali dei volontari di servizio civile, che dovranno anche eleggere i 2 nuovi Rappresentanti nazionali per la macro aree Centro ed Estero. A portare i loro saluti anche il cons. Calogero Mauceri (Capo Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale), Giovanni Bastianini (Presidente Consulta nazionale per il Servizio Civile), Enrico Maria Borrelli (Presidente Forum Nazionale Servizio Civile) e Licio Palazzini (Presidente Conferenza Enti Servizio Civile).

aprile 13, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

In radio si parla di servizio civile

Nella puntata di "VolontariAmo" di venerdì 23 marzo, la trasmissione radio promossa dalla Diaconia Valdese, si è parlato di servizio civile attraverso l'esperienze dei volontari.

marzo 27, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Corpo Europeo di Solidarietà cambia nome e va verso il servizio civile europeo

EscslideCome racconta un articolo di "Redattore Sociale", il Corpo Europeo di Solidarietà cambia nome e finalità. Si chiamerà Servizio europeo di solidarietà e volontariato (Sesv) e la partecipazione sarà limitata a enti pubblici o del terzo settore mentre le organizzazioni profit potranno essere coinvolte attraverso programmi di responsabilità sociale per i propri dipendenti o sponsorizzando progetti e iniziative. In questa ultima versione il programma si avvicina così sempre di più a un Servizio civile europeo con una propria carta dei valori e degli obiettivi chiari in termini di solidarietà e cittadinanza condivisa europea. In attesa della prossima fase che prevede il cosiddetto “trigono” ovvero la contrattazione congiunta tra Parlamento, Consiglio e Commissione, il prossimo 22 marzo nella sede dell’agenzia Dire a Roma, a partire dalle ore 11 l’europarlamentare Silvia Costa presenterà alla stampa il lavoro svolto e le opportunità incluse nel Sesv.

marzo 20, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Europa, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Roma Capitale, al via 80 nuovi volontari in servizio civile

Si è svolto lo scorso 14 marzo, presso la sala Pietro da Cortona in Campidoglio, l’incontro dei nuovi 80 volontari in servizio civile con Roma Capitale. Presente anche l’Assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi Eventi cittadini Daniele Frongia. Nel corso della mattinata sono stati presentati 17 Progetti, di cui 14 legati alla promozione culturale in capo alla Sovrintendenza, 2 ai Municipi VI e XIII legati al sociale ed 1 alla Protezione Civile. Per il 2018 sono in totale 34 i Progetti che coinvolgono per 12 mesi circa 240 giovani: 80 volontari hanno iniziato a gennaio, 40 a febbraio, 80 nel mese di marzo e circa 40 prenderanno servizio nel mese di aprile.
«Il Servizio civile - ha dichiarato Frongia - ha una funzione importante sociale ed educativa, permette ai ragazzi di confrontarsi con il mondo del lavoro, con le realtà del volontariato e le associazioni e li mette in stretto contatto con i cittadini rendendo il loro lavoro e il loro tempo prezioso e utile per la Comunità e per lo sviluppo di una società solidale. La partecipazione attiva dei ragazzi testimonia una mobilità di idee, risorse ed è sinonimo di inclusione e apertura, valori importanti per la formazione di un giovane individuo».

marzo 16, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Servizio civile in cifre | Permalink | Commenti (0)

FOCSIV: monitoraggio di metà servizio dei Corpi Civili di Pace

Nell’ambito delle attività di monitoraggio sui propri progetti dei Copri Civili di Pace, in corrispondenza con la metà del servizio, FOCSIV ha somministrato ai propri volontari un apposito questionario di valutazione intermedia, con l’obiettivo di comprendere i punti di forza e le aree di miglioramento dell’esperienza e di contribuire alla definizione del profilo di Corpo Civile di Pace.«Riteniamo di capitale importanza che l’Italia svolga un ruolo trainante nello sviluppo di politiche di pace e l’istituzione dei Corpi Civili di Pace - sostiene Primo Di Blasio, Coordinatore estero FOCSIV e Vicepresidente CNESC -, rappresenta un importante passo in avanti verso il riconoscimento istituzionale dell’impegno dei civili in aree di conflitto con metodi nonviolenti». Il report è disponibile interamente on-line.

marzo 15, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

12 marzo, XIII Incontro dei volontari in servizio civile per San Massimiliano

IMG-20180312-WA0003Si è svolto ieri a Sotto il Monte (BG), l’annuale Incontro nazionale dei volontari del Tavolo Ecclesiale sul Servizio Civile, nella ricorrenza del 12 marzo, festa di san Massimiliano di Tebessa, martire a 21 anni nel 295 d.C. per obiezione di coscienza alle armi e “patrono” del servizio civile. Promosso dal TESC (Tavolo Ecclesiale sul Servizio Civile), che riunisce 18 organismi, organizzazioni ed associazioni cattoliche tra cui Caritas Italiana , Acli - Associazioni cristiane lavoratori italiani e Focsiv, questo XIII Incontro di san Massimiliano ritorna a Sotto il Monte a 15 anni dalla sua prima edizione nel 2003, quando il nuovo servizio civile volontario muoveva i primi passi dopo la sua istituzione nel 2001. Sul sito di Caritas Italiana sono disponibili tutti i documenti e le foto dell'iniziativa.

marzo 13, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, San Massimiliano, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

12 marzo, oggi a Sotto il Monte incontro dei volontari in servizio civile per San Massimiliano

6a00d8341c897953ef01b8d2dbdfd6970c-120wiSi svolge oggi a Sotto il Monte (BG), dove si tenne già la sua prima edizione nel 2003, l’annuale Incontro nazionale dei volontari del Tavolo Ecclesiale sul Servizio Civile, nella ricorrenza del 12 marzo, festa di san Massimiliano di Tebessa, martire per obiezione di coscienza. Oltre 400 i giovani in servizio civile, provenienti da tutta Italia, attesi presso la Tensostruttura a Brusicco di Sotto il Monte che farà da sede dell'iniziativa. Il tema di questo XIII Incontro è quello scelto da Papa Francesco per la Giornata mondiale della Pace 2018 "Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace". Nel pomeriggio l'iniziativa si concluderà con la Santa Messa presieduta da S.E. Mons. Francesco Beschi, vescovo di Bergamo.

marzo 12, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, San Massimiliano, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

8 marzo, il servizio civile è sempre al femminile

Il-scn-come-difesa-della-patria-e-della-pace-768x510«Sono donne il 64,02% dei giovani coinvolti nel Servizio civile - ricorda l'ultima Relazione al Parlamento riferita al 2016 -. Sin dalla sua istituzione il Servizio civile nazionale ha riguardato principalmente le ragazze». Nello specifico dei 32.886 volontari avviati al servizio in Italia nell’anno 2016, 21.054 unità, appartiene al sesso femminile e il restante 11.832 appartiene al sesso maschile. Tra le regioni, anche per il 2016, è il Veneto ad avere la percentuale maggiore di volontarie avviate, il 71,62%. Buona Festa della donna e buon 8 marzo a tutte le volontarie!

marzo 8, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

7 marzo, a Torino incontro formativo del TESC sul servizio civile

Header_tescIl TESC (Tavolo enti Servizio Civile) del Piemonte organizza a Torino domani 7 marzo un incontro formativo sul tema della "protezione civile" con Titti Postiglione, attualmente coordinatrice presso il Servizio Comunicazione del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, e fino alla scorsa estate alla guida dell’Ufficio Emergenze della Protezione Civile. Nel pomeriggio dalle 14 alle 18 seguirà un altro incontro sul modulo “Rappresentanza nel Servizio Civile”. Intervengono nello specifico, insieme alla Regione Piemonte: Licio Palazzini (Presidente CNESC e componente Consulta Nazionale), Umberto Forno (Presidente TESC Piemonte) e i rappresentanti dei Volontari della Regione Piemonte.

marzo 6, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile, su facebook due nuove pagine della Regione Veneto e dell'INAC

FacebookNei giorni scorsi sono nate 2 nuove pagine Facebook dedicate al servizio civile. Si tratta di quella promossa dalla Regione Veneto e di quella dell'ente INAC, patronato della Confederazione Italiana Agricoltori, aderente alla CNESC.

marzo 1, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile, eletti i delegati regionali dei volontari

Si è conclusa venerdì 23 febbraio la fase delle elezioni dei Delegati regionali dei volontari di Servizio civile. Le operazioni di voto on line si sono svolte dal 19 al 22 febbraio 2018. Secondo quanto comunica il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale «i votanti sono stati 3.087 che rappresentano il 7,66 % degli aventi diritto. La distribuzione del voto per macroaree ha riconfermato la netta prevalenza dell’affluenza alle urne nel Sud, che con 1.808 voti rappresenta il 58,57% del totale nazionale. Il resto dei voti sono stati distribuiti tra il Centro 550 voti (17,82%), il Nord 658 voti (21,32%) nonché l’Estero 71 voti (2,30%)». Da lunedì 26 febbraio, fino alle ore 14 del 19 marzo, i Delegati regionali potranno presentare on-line la propria candidatura a Rappresentante Nazionale, in vista dell'Assemblea nazionale che si svolgerà a Roma il 13 e 14 aprile.

febbraio 26, 2018 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Torino, Università introduce congedo parentale per studenti padri e deroga tasse per servizio civile

Secondo quanto riferisce un articolo di "Repubblica", l'Università di Torino ha introdotto per i propri studenti che diventano padri la possibilità di chiedere il congedo come le loro colleghe donne. La novità è prevista dal nuovo regolamento votato dall'Ateneo torinese. «Si tratta di un percorso che abbiamo iniziato da tempo e che punta ad affrontare la questione di genere con interventi sia formali che pratici – spiega la prorettrice Elisabetta Barberis – Un paio d'anni fa avevamo dato questa facoltà alle nostre studentesse e ora siamo riusciti a estenderla anche agli uomini. È un intervento modellato su quello che spetta ai lavoratori e alle lavoratrici, ovviamente le donne possono usufruirne anche durante la gravidanza, mentre per gli studenti maschi vale dopo la nascita del figlio. In quel periodo gli universitari non pagano le tasse, ma per un certo lasso di tempo possono continuare a sostenere gli esami». La deroga è valida anche per chi decide di partecipare al servizio civile o in caso di gravi infermità.

febbraio 19, 2018 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Caritas Italiana presenta indagine sui suoi volontari in servizio civile dal 2001 al 2017

Copertina_Ricerca_caritas_SC_2018Come è cambiato, dal 2001 ad oggi, il servizio civile nelle Caritas? È la domanda alla quale ha inteso rispondere l’indagine “Giovani e servizio. 2001-2017”, che Caritas Italiana ha realizzato tra i responsabili diocesani che si occupano di servizio civile, disponibile qui interamente on-line. Scopo della ricerca, una anticipazione della quale era contenuta in "Futuro anteriore. Rapporto Caritas 2017 su povertà giovanili ed esclusione sociale", è stato appunto quello di indagare il mutamento intervenuto nel profilo sociale, nelle motivazioni e nelle esperienze post-servizio dei giovani volontari, nonché l’impatto del servizio civile sulla dimensione locale, dal punto di vista ecclesiale e sociale.

febbraio 15, 2018 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Elezioni 2018, per i giovani in servizio civile del Lazio è importante votare

Elezioni"Reti Solidali" ha realizzato un sondaggio su 30 giovani in Servizio Civile nel Lazio,dei quali ventisette (19 donne e 8 uomini) hanno dichiarato che andranno a votare, due che non andranno («tanto non cambia niente») e uno ha dichiarato di essere indeciso perché «non ancora informato». Il sito di informazioni ha anche chiesto di commentare i risultati del sondaggio su servizio civile e partecipazione a Claudio Tosi del CESV e Francesca Amadori di SPES. Leggi tutto l'articolo a questo link.

febbraio 13, 2018 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Elezioni 2018, la Lega propone servizio civile obbligatorio di 6 mesi

ElezioniOltre al Partito Democratico e alla lista alleata "Insieme", anche la Lega di Matteo Salvini cita nel suo programma elettorale il servizio civile. «Per rimettere insieme i tasselli di un mosaico che dia un senso al vivere associato - si legge nel testo - si potrebbe ripartire da alcuni semplici provvedimenti come l'introduzione di sei mesi di servizio civile o militare obbligatorio, da integrare al percorso scolastico, per educare concretamente le nuove generazioni alle responsabilità e ai doveri che ciascuno di noi ha nei confronti del prossimo». Non se ne parla invece nel programma degli alleati Fratelli d'Italia e Forza Italia, nè tantomeno nel programma comune dell'alleanza elettorale.

febbraio 6, 2018 nella Appuntamenti, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Bando servizio civile in Agricoltura sociale, prorogata scadenza per progetti con Garanzia Giovani

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha comunicato ieri la proroga, fino alle ore 14:00 del 19 febbraio, del Bando per la selezione di 1.345 volontari nell'ambito dei progetti di servizio civile in Agricoltura Sociale finanziati con Garanzia Giovani. Rimane invece invariata alle ore 14:00 del 5 febbraio la scadenza per candidarsi ai progetti finanziati con fondi ordinari.

febbraio 2, 2018 nella Appuntamenti, Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

La miglior difesa... è il servizio civile. 40 anni di esperienza in Caritas Italiana

IC_docembre2017"Italia Caritas", il mensile di Caritas Italiana, nel numero di fine anno dedica la copertina ai 40 anni di servizio civile in Caritas Italiana, che saranno ricordati anche in un Convegno che si svolgerà a Roma il 15 dicembre. Un articolo, a firma di Diego Cipriani, ripercorre le tappe fondamentali di questo percorso, avviato il 10 giugno del 1977 con la firma della convenzione con il Ministero della Difesa. Sono inoltre riportate le testimonianze di due (ex) obiettori come don Adolfo Macchioli, attuale direttore della Caritas diocesana di Savona-Noli, e Roberto Reggi, Direttore dell'Agenzia del demanio, già sindaco di Piacenza e Sottosegretario all’Istruzione. Leggi tutto l'articolo qui in PDF.

dicembre 14, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC, Udienza con il Papa | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile, avviati l'11 dicembre altri 5mila giovani

Sono 5.759 i ragazzi e le ragazze che hanno iniziato il loro servizio civile l'11 dicembre, relativamente al bando ordinario dello scorso giugno che prevedeva 47.529 posti complessivi tra Italia ed estero. Il totale dei giovani volontari avviati per questo bando sale così a 33.098. Tra i giovani avviati ieri anche i 270 che presteranno servizio presso le sedi della Città di Torino (biblioteche civiche, Archivio Storico, servizi sociali e d’informazione) e presso altri enti pubblici e del privato sociale ad essa collegata. Proprio ieri presso l’Aula Magna d’Ateneo “Cavallerizza Reale” sono stati salutati dall’Assessore comunale ai Diritti e con delega alle Politiche giovanili, Marco Giusta. «È stata l’occasione per un confronto sui temi attuali del servizio civile, con la testimonianza di alcuni volontari e volontarie degli scorsi anni», precisa il Comune di Torino.

Sempre l’11 dicembre, secondo quanto specifica il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, sono stati inoltre avviati al servizio 4 volontari relativi al bando per la selezione di 110 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Nazionale per l’attuazione del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani da attuarsi in Italia per la realizzazione di finalità istituzionali individuate dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, dal Ministero dell’Interno, dal ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

dicembre 12, 2017 nella Appuntamenti, Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Regioni, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Michele Serra: proposta "servizio civile di leva" è "un'idea di società"

Nella sua rubrica quotidiana su "Repubblica", l'editorialista Michele Serra è tornato a citare la proposta del Partito Democratico di un "servizio civile di leva" come "un'idea di società" e dunque positiva e da portare avanti.

Amaca_Serra_6dicembre

dicembre 7, 2017 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Idee, Normativa e progetti, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile all'estero, disponibile online le testimonianze dei volontari "caschi bianchi"

19b2674528b4d5fa396dcc8c20062871_LE' disponibile online la prima edizione della pubblicazione di "Antenne di Pace", il sito della rete "caschi bianchi", contenente le testimonianze dei volontari in servizio civile all'estero tra l'anno 2016 e 2017. La pubblicazione è introdotta da una lettera di Giovanni Ramonda, Presidente dell'Associazione "Comunità Papa Giovanni XXIII" e da un approfondimento su cosa significhi essere "Caschi Bianchi" oggi. Seguono le testimonianze dei volontari divise per continente, dove ciascuna sezione è introdotta dal "Primo Sguardo" dei Caschi Bianchi. Completano la pubblicazione un calendario con riportati gli avvenimenti più importanti legati alla difesa civile non armata e nonviolenta, all'obiezione di coscienza ed al servizio civile ed un elenco di contatti utili.

dicembre 6, 2017 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Libri e siti utili, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Roma Capitale festeggia 20 anni di servizio civile

20annicivile_d0Si è svolto ieri mattina nella Sala della Protomoteca in Campidoglio l'incontro per ricordare i 20 anni di Servizio Civile a Roma Capitale. All'evento, oltre ai giovani attualmente in servizio accompagnati dai loro OLP, hanno partecipato la sindaca Virginia Raggi, Francesco Rutelli – già sindaco di Roma, firmatario della convenzione con il Ministero della Difesa nel 1997 –, l’Assessore capitolino Daniele Frongia (Sport, Politiche Giovanili e Grandi), il capo del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, Calogero Mauceri, e l'Assessore alle Politiche giovanili e per le famiglie del Comune di Torino, Marco Giusta. «L’attuale rete del nostro Servizio Civile – principalmente presso le biblioteche comunali, la Sovrintendenza Capitolina, la Protezione Civile, i Municipi – offre oggi a molti giovani un’importante opportunità di crescita culturale e formazione professionale. E rappresenta per l’amministrazione una piccola ma preziosa risorsa di buone pratiche e di cittadinanza attiva», ha ricordato in una nota Roma Capitale.

novembre 29, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Corpi Europei di Solidarietà, Italia contraria a nuovi orientamenti. Plauso della CNESC

Lo scorso 20 novembre nel corso della Sessione Gioventù del Consiglio “Istruzione, Gioventù, Cultura e Sport”, tenutasi a Bruxelles, l’Italia ha espresso il proprio voto contrario sul testo di Orientamento Generale relativo alla Proposta della Commissione di Regolamento sul Corpo Europeo di Solidarietà. Il testo, predisposto dalla Presidenza estone sulla base degli esiti dei lavori del Gruppo Gioventù, è stato adottato con il voto favorevole di tutte le altre delegazioni. «La delegazione italiana -ha dichiarato il Sottosegretario Luigi Bobba- è stata fin dall’inizio la più forte sostenitrice del Corpo Europeo di Solidarietà, come iniziativa finalizzata a incrementare e migliorare le attività di volontariato per i giovani e al tempo stesso rafforzare le azioni dell’Europa in tema di solidarietà. Ma purtroppo, alla fine di questa prima tornata di lavori, abbiamo ritenuto di dover esprimere il nostro dissenso su un testo che non ha una copertura finanziaria certa e prevede di finanziare il Corpo di Solidarietà unicamente con riassegnazioni, da decidere in futuro, di fondi già destinati ad altri Programmi della Rubrica 1a sulla Competitività e Crescita. Tali Programmi, più o meno direttamente, sono di particolare interesse per quegli stessi giovani ai quali l’iniziativa del Corpo di Solidarietà è rivolta. Il Programma che più rischia di essere decurtato pesantemente è proprio il Programma dedicato ai giovani Erasmus+».

Con una nota diffusa oggi, la CNESC (Conferenza nazionale enti di servizio civile) ha espresso il proprio plauso a questa scelta del Governo Italiano. «Reazione alla disgregazione del sogno europeo, sviluppo della cittadinanza europea e sostegno alla partecipazione giovanile: questi sembravano gli obiettivi dell’European Solidarity Corps, quando fu annunciato. Alla prova dei fatti rischia di tradursi in un taglio del Servizio Volontario Europeo e in uno strano ibrido fra volontariato e formazione nelle imprese. Bene ha fatto il Sottosegretario Bobba a reagire a questa impostazione». «I giovani hanno diritto a opportunità strutturate di impegno civile e di acquisizione di competenze e che le esperienze nazionali di servizio civile volontario assieme al Servizio Volontario Europeo sono il patrimonio a cui attingere», conclude la nota stampa.

novembre 22, 2017 nella Appuntamenti, Europa, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Contrasto alla povertà e capitale sociale: anticipazioni ricerca su servizio civile in Caritas

Cover Futuro AnterioreC'è anche un focus sul servizio civile come "capitale sociale" nell'esperienza di Caritas Italiana nel "Rapporto su povertà giovanili ed esclusione sociale in Italia" presentato questa mattina a Roma nell'imminenza della prima Giornata mondiale dei Poveri del 19 novembre. «A distanza di quarant’anni dall’inizio dell’esperienza Caritas nell’ambito del servizio civile - si legge nela Rapporto - si è manifestata la necessità di riflettere sul valore sociale aggiunto determinato da tale esperienza, soprattutto in riferimento al capitale umano, sociale e formativo che la partecipazione al servizio civile ha apportato non solo ai giovani, ma anche ai territori dove si sono sviluppate le attività previste dai progetti. Allo scopo di offrire a tale riflessione una solida base dati, si è deciso di realizzare una indagine di taglio sociologico, che non ha avuto come quadro di riferimento l’intero orizzonte storico dei quarant’anni, ma si è concentrata sul servizio civile su base volontaria sviluppatosi a partire dal 2001». In particolare il focus approfondisce il legame tra la povertà economica e l’esperienza di servizio civile, ed anticipa una più ampia ricerca di Caritas Italiana che verrà presentata a breve. Esso ha voluto soffermarsi su due principali ambiti concettuali: il mutamento intervenuto nel profilo sociale, nelle motivazioni e nelle esperienze post-servizio dei giovani volontari; l’impatto del servizio civile sulla dimensione locale, dal punto di vista ecclesiale e sociale.

Emerge come «il servizio civile non è più soltanto un’occasione per i giovani di impegnarsi a favore delle persone (tra cui anche loro coetanei) in situazione di difficoltà, ma può rappresentare al tempo stesso una risorsa economica per il volontario (e per la sua famiglia)». «Non dimentichiamo - si legge nel testo -, che gli effetti della crisi economica possono aver esercitato un certo effetto anche sulle famiglie dei ragazzi che hanno scelto di fare l’esperienza del servizio civile. Tale peculiarità è stata rilevata da vari enti operanti nell’ambito giovanile». Inoltre, in base alle interviste fatte verso gli operatori che hanno gestito i giovani volontari, la grande maggioranza di loro (78%) «ritiene che l’esperienza del servizio civile sia stata molto utile per influenzare concretamente il futuro dei giovani, dopo il servizio civile. Solo una ristretta quota di operatori, pari al 22%, ha affermato che il servizio civile abbia poca influenza sulle prospettive personali dei giovani (mentre appare significativa la totale assenza di risposte drasticamente negative). Positivo anche il ruolo svolto dal servizio civile riguardo l’interesse dei giovani ad impegnarsi in successive esperienze di volontariato, associazionismo e cittadinanza attiva».

novembre 17, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Europa, Giovani e rappresentanza, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

13 novembre, partiti altri 7.699 volontari di servizio civile

Sono partiti ieri in servizio 7.699 nuovi giovani volontari di servizio civile nazionale, relativi al bando ordinario dello scorso giugno per complessivi 47.529 posti. Con le partenze di ieri il totale dei giovani volontari avviati per questo bando è di 27.339 ragazzi.

novembre 14, 2017 nella Appuntamenti, Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Belluno: nasce rete per la promozione del servizio civile

SCN Belluno 2017-18 (3)Parte dall'Unione montana feltrina (Belluno) la nuova Rete per la promozione del “Servizio civile Bellunese”, un percorso nato tra gli stessi giovani attualmente impegnati nei tre progetti partiti in provincia a settembre (negli ambiti cultura, assistenza sociale e protezione ambientale e civile) gestiti in collaborazione con il Comitato d'Intesa di Belluno. Martedì 7 novembre, durante il secondo pomeriggio di formazione sulla comunicazione nella sala riunioni di via Carlo Rizzarda, i trenta giovani in servizio civile hanno lanciato la campagna “Servizio civile Bellunese” per unificare la percezione, la comunicazione e la sensibilizzazione sul tema, ancora diffusamente confuso con l'obiezione di coscienza al servizio militare.

È stata aperta una pagina Facebook, che sarà gestita da un gruppo di giovani con l'intento di valorizzare le singole esperienze di servizio negli enti ospitanti (biblioteche, musei, associazioni, enti e uffici comunali). Contestualmente è stato rispolverato e aggiornato il sito https://serviziocivilebelluno.wordpress.com/, dove saranno raccolti i racconti in prima persona dai volontari bellunesi, le storie degli enti che li ospitano, i dettagli sui prossimi bandi e sulle graduatorie. «Uno dei nostri obiettivi è quello di promuovere i servizi e le attività relative al Servizio civile in provincia di Belluno - affermano i ragazzi -, per questo abbiamo colto subito la proposta di promuovere il nostro servizio. Il nostro auspicio è di coinvolgere tutti coloro i quali non conoscono ancora questa preziosa realtà». In prospettiva, l'obiettivo è quello di istituire una segreteria provinciale per la gestione e la promozione del Servizio civile, con il supporto degli stessi giovani volontari per la parte comunicativa. L'occasione potrebbe essere già il bando del prossimo anno.

novembre 13, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Renzi: ad Assemblea programmatica PD tema servizio civile obbligatorio

Italia2020È iniziata ieri a Napoli l'Assemblea programmatica del Partito Democratico, che si concluderà domani. Ed in vista di questo appuntamento, il Segretario del PD Matteo Renzi, è tornato a parlare della sua proposta di 1 mese di servizio civile obbligatorio per i giovani. «Vi segnalo molte critiche a una delle mie proposte, quella del servizio civile universale - scrive Renzi nella sua Enews di ieri -. Una parte dei ragazzi, una minoranza, non vuole nessuna forma di servizio civile obbligatorio. Un'altra parte, maggioritaria dice che il servizio civile obbligatorio dovrebbe durare almeno tre mesi, non uno soltanto. Io continuo a dire che una nuova stagione dei doveri sia importante per i ragazzi della nuova generazione. Ne continueremo a parlare anche a Napoli».

ottobre 28, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Riforma SC, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Torino, al Salone dello Studente due incontri con il servizio civile

Ragazzi_scu_460x230Si è inaugurato ieri a Torino il "Salone dello Sudente", cui il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale partecipa con uno stand e con due appuntamenti pubblici. Ieri l'incontro con il Sottosegretario con delega, on. Luigi Bobba, che insieme agli Assessori regionali Giovanna Pentenero e Monica Cerutti, ha discusso di Alternanza Scuola-Lavoro, diritto allo studio e servizio civile. Questa mattina alle 10.00 un secondo incontro, con la dott.ssa Titti Postiglione, da poco responsabile del Servizio comunicazione del Dipartimento e, nel periodo del suo lavoro alla Protezione Civile, la più giovane donna responsabile di una sala operativa di emergenza in Europa, gestendo fino a 800mila volontari. «L'incontro con gli studenti presenti al Salone dello Studente mi ha piacevolmente sorpreso – ha commentato il Sottosegretario Bobba – per la loro voglia di conoscere sempre di più il significato dell'esperienza del Servizio Civile. L'entusiasmo dimostrato degli studenti anche attraverso le loro domande mi sprona sempre più alla ricerca dei fondi necessari a rendere il Servizio Civile davvero universale, tenuto conto che questa esperienza è una porta aperta verso il mondo del lavoro, oltre che un’opportunità per mettersi in gioco, inserirsi attivamente nella vita del Paese e porsi al servizio della propria comunità».

ottobre 25, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Bando di progettazione servizio civile per 3.000 posti per giovani rifugiati

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, d’intesa con il Ministero del Lavoro e il Ministero dell’Interno ha emanato il 17 ottobre una nota aggiuntiva al bando di progettazione del servizio civile per il 2018, con scadenza il prossimo 30 novembre, per l’impiego di 3.000 giovani stranieri titolari di protezione internazionale ed umanitaria. Questo filone di progettazione, che sarà integrato con quello ordinario e che prevede l’affiancamento dei giovani stranieri a quelli italiani (quindi non attività separate), segue la firma del protocollo d'intesa firmato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, dal Ministero dell’Interno e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali lo scorso 31 maggio. I 3.000 giovani rifugiati saranno finanziati con le risorse del Fondo Asilo, Migrazione ed Integrazione (FAMI) 2014-2020 (ex Regolamento UE n.516/2014), aggiuntive a quelle previste per il Servizio civile nazionale. Tuttavia i progetti che prevederanno la presenza di “volontari FAMI” (così sono indicati dal Dipartimento), non avranno canali privilegiati: saranno infatti valutati con le stesse modalità di quelli ordinari e quindi soggetti ad un punteggio e all’inserimento in una graduatoria di finanziamento. Ed oggi alle 11.30 si svolgerà presso Sala Stampa “Donat Cattin” del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali una conferenza stampa su questo tema, cui parteciperanno il Sottosegretari al Ministero dell’Interno, on. Franca Biondelli e Domenico Manzione, e il Sottosegretario al Ministero del Lavoro, con delega al servizio civile, on. Luigi Bobba.

ottobre 19, 2017 nella Appuntamenti, Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Servizio civile e stranieri, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile, nuovi bandi volontari per 1.411 posti

Il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale ha pubblicato il 13 ottobre due nuovi bandi per volontari di servizio civile per complessivi 1.411 posti. Si tratta di un primo un bando di selezione da 860 posti, dei quali 757 per l’accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili, 52 per progetti approvati dalla Regione Campania e 51 relativi a progetti autofinanziati dalla Regione Sardegna. Il secondo bando invece è da 551 posti, dei quali 490 in Italia e 61 all’estero, e riguarda tutti i progetti di servizio civile presentati dagli enti iscritti all’Albo nazionale che non erano stati messi a bando lo scorso giugno. Il finanziamento di questi progetti, che porta a oltre 50mila i posti di servizio civile disponibili nel 2017, dei quali oltre mille per gli interventi nelle zone terremotate del centro Italia, è stato possibile grazie ad un apposito stanziamento, recuperando alcuni fondi residui della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

“È grazie all’impegno del Governo nel rendere disponibili ulteriori risorse finanziarie – ha dichiarato il Sottosegretario con delega al servizio civile, on. Luigi Bobba - che pubblichiamo due bandi per la partenza di oltre 1.400 volontari: più di 550 per progetti in Italia e all’Estero; più di 750 impiegati in progetti per l’accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili, a dimostrazione che il sistema Servizio civile nazionale è sempre attento e vigile verso queste categorie; non viene trascurato l’ambito regionale che vede ulteriori 52 posti per progetti nella Regione Campania e ulteriori 51 per progetti nella Regione Sardegna autofinanziati dalla stessa Regione”. Ricordiamo che la domanda di ammissione e la relativa documentazione per questi due nuovi bandi va presentata all'Ente che realizza il progetto prescelto, entro le ore 14:00 del prossimo 20 novembre 2017. E’ possibile fare domanda per un solo progetto e per un solo bando, pena l’esclusione. In questi giorni il Dipartimento ha inoltre pubblicato la graduatoria definitiva dei progetti di servizio civile nell’ambito dell’Agricoltura sociale, presentati dagli enti quasi un anno fa, a dicembre 2016. L’uscita del relativo bando volontari da 1.000 posti, finanziati in parte dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (MIPAAF), è atteso nelle prossime settimane. [Fonte: Redattore Sociale]

ottobre 17, 2017 nella Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

5 anni fa la scomparsa di Daniele Ghillani, in servizio civile in Brasile

Daniele_GhillaniIl 16 ottobre 2012, cinque anni fa, moriva a Senador Canedo in Brasile Daniele Ghillani, giovane volontario in servizio civile all'estero in un progetto della Caritas diocesana di Parma, sua città di origine. Daniele rimase vittima di un incidente, folgorato dopo aver appoggiato una scala metallica a un filo scoperto in un cantiere, lo stesso che aveva raccontato sul suo blog nei giorni precedenti alla tragedia. Il giovane volontario lavorava in qualità di educatore nell'ambito di un progetto sostegno del centro giovanile della parrocchia di Nossa Senhora Esparecida, missione della Diocesi di Parma, nella città di Goiania, località di oltre un milione di abitanti del centro del Brasile.

ottobre 16, 2017 nella Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Padova: tra i giovani in servizio civile del CVI anche 6 rifugiati

WhatsApp-Image-2017-10-11-at-11.12.38-768x576Mercoledì 11 ottobre scorso sono stati avviati in servizio 11.974 giovani che hanno fatto domanda per il bando ordinario di servizio civile 2017. Il totale dei volontari avviati sale così a 19.640 ragazzi. Tra questi a Padova ci sono anche sei ragazzi africani tra i 20 e i 28 anni, che hanno già ottenuto il riconoscimento dell'asilo politico nel nostro Paese e che sono entrati in servizio sempre l'11 ottobre presso il Consorzio Veneto Insieme di Padova. Tra i 54 giovani volontari, operativi in 10 progetti, 22 sono quelli in capo al CVI, l’aggregazione di 13 cooperative operanti nel padovano. I 6 giovani rifugiati, che saranno occupati in un servizio di accompagnamento di persone disabili e con disagio psichico e psichiatrico, vengono da Guinea, Nigeria, Senegal e Gambia e sono ospiti delle cooperative "Orizzonti e Populus".

ottobre 12, 2017 nella Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Regioni, Servizio civile in cifre, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Alessia: "Il mio servizio civile in Calabria come un battito di cuore"

20170927_123301Lo scorso 9 ottobre sono terminati i progetti di servizio civile nazionale, avviati il 10 ottobre di un anno fa. Molte le testimonianze dei giovani al termine di questa esperienza, come quella di Alessia Genovese, riportata di seguito, che ha svolto il suo servizio civile in Calabria con Caritas e che qui racconta soprattutto le riflessioni nate dopo l'ultima formazione.

«"Il servizio civile, una scelta che ti cambia la vita": questo non è semplicemente lo slogan che appare sul bando per l’impiego di volontari, ma è un messaggio di speranza, di lotta, d’impegno, di coraggio e di passione. Una dichiarazione di fede e una testimonianza che è emersa chiara e forte durante tutti gli incontri formativi a livello regionale organizzati dalla Caritas, per condividere la nostra esperienza, per conoscere le diverse realtà in cui operiamo, per raccontare la quotidianità del servizio e le emozioni che questa scelta di pace e responsabilità regala. Un’esperienza che ti mette al servizio di chi non ha avuto la possibilità di scegliere, ma è stato scelto da una realtà più grande, di chi è stato derubato della speranza di poter cambiare e di poter credere ancora in qualcosa, in qualcuno. Un’esperienza di vita che, come tutte le cose, giunge al termine. Durante il corso di fine servizio che si è tenuto a Reggio Calabria dal 25 al 27 settembre, però, noi volontari abbiamo imparato che il nostro servizio non è finito, ma inizia proprio ora. “C’è un tempo per ogni cosa, c’è un tempo per tutte le cose”: emblematiche le parole pronunciate dal formatore Alfonso Canale che ci hanno dato il benvenuto e hanno dato il via alle attività dell’ultima tappa del nostro Servizio Civile. Le diocesi di Cassano, Cosenza, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Rossano e San Marco Argentano si sono ritrovate dopo sei mesi per raccontarsi, emozionarsi, testimoniare i dodici mesi vissuti nelle varie sedi operative. Ragazzi diversi, ognuno con la propria esperienza, la propria storia, il proprio percorso, il proprio vissuto, ma tutti accomunati dallo stesso entusiasmo misto a un po’ di malinconia per essere arrivati a scrivere l’ultima pagina del servizio. Sono stati giorni intensi perché ci hanno dato la possibilità di riflettere e di confrontarci su come abbiamo “abitato” e vissuto il servizio. Ognuno di noi ha avuto la possibilità di ripercorrere quest’anno e di parlare di sé agli altri. Due le attività principali che sono state oggetto del corso e ci hanno permesso di disegnare una mappa di questo “viaggio”: “la finestra” e le “tre sedie”. La prima è stata un’analisi introspettiva: un foglio bianco, una tavolozza di colori e la nostra mano chiamata a lasciarsi andare e a dare colore e forma alle nostre emozioni. Una finestra pronta ad aprirsi e a raccontare del proprio io: io prima del servizio, io adesso, io domani ed io immaginario. Tanti fogli bianchi che sono diventati testimoni di speranze, paure, dubbi, emozioni, gioie, progetti. La seconda, invece, ha avuto come protagoniste le storie di ogni volontario che ha trasformato in parole quei colori e quelle immagini. Tre sedie che hanno dato la possibilità di aprire quella finestra e il proprio cuore. Ognuno di noi ha parlato di sé, del suo servizio e di come è cambiato durante un anno in cui si è impegnato a dare voce a chi non ha voce. Storie diverse, ma legate da un filo di amore incondizionato verso gli utenti con cui siamo stati a contatto in questi mesi. Storie che parlano di occhi, di sorrisi, di condivisione, di empatia, di vite che s’intrecciano per scrivere delle nuove storie, di fiducia, di testimonianze, di bellezza, di momenti difficili, di periodi di smarrimento, di cuori fatti in mille pezzettini, ma degli stessi cuori rimessi insieme dallo sguardo di un bambino, di un senzatetto, di una ragazza madre, di un’anziana un po’ bizzarra, di un immigrato. Storie di vita che pulsa e che fuoriesce per incontrare altre vite. Di battiti. E noi volontari siamo stati tutto questo: battiti di un unico grande cuore del Servizio Civile. Il corso di fine servizio si è concluso con la consegna dell’attestato e l’augurio ad ogni ragazzo di vivere il proprio tempo, di aprire la finestra e di iniziare il cerchio del sorriso. È proprio vero: “C’è un tempo per ogni cosa, c’è un tempo per tutte le cose”. È questo è il momento di fare tesoro di ciò che abbiamo imparato vivendo con i nostri “poveri”, per accendere altri fuochi e riscaldare ogni cuore che incontriamo sul nostro cammino, e che si sente solo, che ha paura, che non riesce più a dare un senso alla propria vita, che ha perso quella luce che gli indicava la strada verso la speranza. È questo il tempo, sempre con il cuore in mano, di raccogliere i frutti che, per dodici mesi, con amore e passione, abbiamo seminato perché il Servizio Civile è stata la scelta che ci ha cambiato la vita».

ottobre 10, 2017 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (1)

Il servizio civile incontro il Presidente del Consiglio

​Sì è svolto nel pomeriggio di lunedì 25 settembre a Roma, presso l'Auditorium Parco della Musica, l'incontro dei volontari, formatori e dirigenti del Servizio Civile Universale con il Presidente del Consiglio, on. Paolo Gentiloni. Di seguito il video dell'incontro e le dichiarazioni del Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e del Sottosegretario con delega, Luigi Bobba.

settembre 26, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC, Video | Permalink | Commenti (0)

25 settembre, a Roma l'incontro del servizio civile con il premier Gentiloni

Si svolgerà lunedì 25 settembre a partire dalle 15:30 a Roma, presso l'Auditorium Parco della Musica, l’incontro del Presidente del Consiglio dei Ministri, on. Paolo Gentiloni, con i protagonisti del sistema Servizio Civile Universale. Era dai tempi del Governo Berlusconi nel 2009 che un Presidente del Consiglio non incontrava i volontari del servizio civile. «L’appuntamento - spiega una nota ufficiale - è l’occasione per riconoscere l’alto significato del Servizio civile per il nostro Paese: una lunga storia, che affonda le radici nei valori della pace e della solidarietà, e ha contribuito a formare coscienze e senso civico in diverse generazioni di giovani». «Il Presidente - secondo il programma ufficiale - sarà accolto da mille volontari che, insieme agli altri ospiti, intoneranno l’inno di Mameli. Sarà il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, ad aprire gli interventi. Con la regia di Geppi Cucciari saranno poi i volontari di servizio civile a raccontare le proprie esperienze: Francesca Guerrieri, impegnata in un progetto di assistenza, Francesco Lozzi, che ha svolto il suo servizio all’estero, Elisabetta Panza, operatrice nelle aree del terremoto del Centro Italia, Isabella Loiacono, protagonista del progetto europeo IVO4ALL, Stefano Neri, uno dei quattro giovani rappresentanti dei volontari nella Consulta nazionale per il Servizio civile universale. La voce degli enti sarà affidata a Giovanni Bastianini, Presidente della Consulta, e a Guido Spaccaforno, formatore per il servizio civile».

L’on. Luigi Bobba, Sottosegretario di Stato al Ministero del lavoro e delle politiche sociali che, su delega del Ministro ha curato il processo di riforma del Servizio Civile, presenterà, nel suo intervento, anche la seconda edizione del concorso per realizzare lo spot che nel prossimo anno promuoverà, anche sulle Reti RAI, il bando del Servizio Civile Universale, dedicato a chi è o è stato volontario di servizio civile. Sarà il Presidente Gentiloni a concludere l’evento. Sempre lunedì 25 ma in serata sarà ancora il servizio civile protagonista di un dibattito politico nell'ambito del Festival dell’Unità di Roma dal titolo “Servizio civile. Impegno e inclusione dei giovani tra riforma nazionale e legge regionale”. Saranno presenti l'on. Luigi Bobba, l'on. Francesca Bonomo, responsabile nazionale PD servizio civile, Luca Fantini, Segretario dei GD del Lazio, Guido Staffieri, Segretario dei GD di Roma, e Cristiana Avenali, Consigliera regionale e prima presentatrice legge sul servizio civile regionale nel Lazio.

settembre 23, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Friuli Venezia Giulia, il 25 settembre giornata regionale dei volontari in servizio civile

FVG_giornataSarà dedicata alla legalità e in collaborazione con Libera, la prossima Giornata Regionale dei Volontari in Servizio Civile, che si terrà lunedì 25 settembre, dalle 10.00 alle 18.30, presso il Teatrino Basaglia a Trieste. All'iniziativa, oltre ad uno spazio dedicato alle esperienze dei volontari, interverrà Rosario Esposito La Rossa, portando l’esperienza di Scampia e saranno realizzati laboratori a cura di Libera FVG.

settembre 20, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Il 25 settembre premier Gentiloni incontra servizio civile. Bobba: "Appuntamento importante"

Logo-scu-blu-ombreIl prossimo 25 settembre 2017, alle ore 15.30 presso la Sala Sinopoli dell'Auditorium Parco della Musica, il Servizio Civile Universale incontrerà il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni. «L'evento - spiega una nota stampa diffusa oggi - è promosso dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Aprirà i lavori il Ministro Giuliano Poletti e il Sottosegretario di Stato Luigi Bobba parteciperà alla tavola rotonda assieme a volontari impegnati nelle principali aree di intervento e a rappresentanti degli enti di servizio civile. Al termine dell'incontro, condotto da Geppi Cucciari, prenderà la parola il Presidente del Consiglio». «È un appuntamento importante che, nel ripercorre insieme al Presidente Gentiloni il cammino degli ultimi 4 anni di riscoperta e valorizzazione del Servizio civile, testimonia e vede i nostri ragazzi come protagonisti dell’azione di Governo - dichiara il Sottosegretario Bobba che, su delega del Ministro, ha curato il processo di riforma del Servizio Civile - Sempre ai volontari, in servizio e non, è poi rivolta la seconda edizione del concorso per realizzare uno spot che diventerà la campagna istituzionale del Servizio Civile Universale, trasmessa sulle Reti RAI nel 2018».

settembre 15, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Castelfiorentino (FI), giovane volontaria in servizio civile muore investita

Sara-scimmiNella prima mattina di sabato 9 settembre scorso è morta a Castelfiorentino (FI) a 19 anni, falciata da un pirata della strada, Sara Scimmi, giovane volontaria in servizio civile presso le Misericordie locali. Il sindaco di Castelfiorentino, Alessio Falorni, ha scritto sui social: «La tragedia di Petrazzi di stanotte è qualcosa di straziante. Mi sento di fare due appelli. Il primo è a noi, come comunità, affinché stiamo vicini alla famiglia: solo un amore infinito può aiutare a riempire un vuoto incolmabile. Il secondo al responsabile. Affinché rifletta profondamente su ciò che ha fatto, e trovi il coraggio di costituirsi. Quel coraggio che non ha avuto in quel momento terribile di vigliaccheria».

settembre 11, 2017 nella Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

25 settembre: il servizio civile universale incontra il Presidente del Consiglio

Paolo_GentiloniIl Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile ha comunicato che il prossimo 25 settembre, alle ore 15.30 presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, si svolgerà l'incontro tra il mondo del Servizio Civile Universale e il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni. «I giovani volontari - spiega il Dipartimento -, in servizio o che hanno prestato servizio nell’anno 2017, che intendono partecipare all’evento dovranno accreditarsi tramite piattaforma multimediale disponibile sul sito gioventuserviziocivilenazionale.gov.it a partire dalle ore 12,00 di venerdì 8 settembre 2017. Gli accrediti saranno garantiti fino ad esaurimento posti».

settembre 8, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Norcia per due giorni capitale del Corpo europeo di solidarietà

EudialoIl Commissario europeo per l'istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, Tibor Navracsics è in visita a Norcia (PG), in occasione dell’iniziativa "Costruire un'Europa migliore con i cittadini per le generazioni future", insieme al Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani.  Oggi in particolare si svolgerà la visita ai giovani volontari del nuovo Corpo europeo di solidarietà, che dal 17 agosto per un mese sono impegnati nel progetto “Europe for Norcia“, finanziato dall'Agenzia Nazionale per i Giovani con il Programma Erasmus Plus, e che prevede attività nei cantieri e nelle associazioni della città umbra colpita dal sisma. All’incontro saranno presenti anche l’Arcivescovo della Diocesi di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, il Sottosegretario al Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali con delega ai giovani e al servizio civile, Luigi Bobba, il Sottosegretario al Ministero per i Beni e le Attività culturali, Ilaria Borletti Buitoni, il Capodipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, il Direttore dell’Agenzia nazionale per i Giovani, Giacomo D’Arrigo e il Capo della Rappresentanza della Commissione europea in Italia, Beatrice Covassi. [Fonte: Redattore Sociale]

settembre 5, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Europa, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Parte oggi nuova progettazione su servizio civile universale

ProgettazioneA partire da oggi e fino alle ore 14,00 del 30 novembre 2017 gli enti di servizio civile, iscritti all'albo nazionale e agli albi regionali e delle Province autonome, nonché all'albo degli enti del servizio civile universale, potranno presentare progetti di servizio civile universale da realizzarsi in Italia e all'estero. Considerando il periodo di transizione verso l'applicazione completa del D.lgs. 40/2017, entrato in vigore lo scorso 18 aprile e che attua la riforma del servizio civile universale, le modalità di progettazione utilizzano ancora la normativa sul servizio civile nazionale. Previste però alcune sperimentazioni, come la flessibilità della durata del servizio dagli 8 ai 12 mesi, lo svolgimento del servizio per un periodo di tre mesi in un Paese UE o in alternativa possibilità di usufruire di tutoraggio per facilitare l'accesso al mondo del lavoro, e infine l'impiego dei giovani con minori opportunità.

settembre 4, 2017 nella Appuntamenti, Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Idee, Normativa e progetti, Regioni, Riforma SC, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Svizzera, no all'apertura del servizio civile a donne e stranieri

Secondo quanto segnala un sito svizzero «non vi è la necessità, al momento, di permettere alle svizzere e agli stranieri di prestare servizio civile volontario. È quanto sostiene il Consiglio federale della Svizzera, proponendo di respingere una mozione in tal senso presentata dal Gruppo dei Verdi». Secondo il testo, è «evidente che il numero di posti e istituti d'impiego (in questo ambito) è destinato ad aumentare». Nel 2016 il numero di istituti riconosciuti dal servizio civile ha superato quota 5.000 (211 in più dell'anno precedente), per un totale di 16.461 posti, indica il Gruppo dei Verdi. Alle donne e agli stranieri, a loro avviso, dovrebbe pertanto «essere data la possibilità di contribuire a questi compiti d'utilità pubblica e di impegnarsi per l'interesse comune». Occorre cioè - si legge nella mozione - garantire condizioni non discriminatorie e rafforzare la coesione e la solidarietà sociale nel nostro Paese. L'esecutivo indica che il gruppo di studio sul sistema dell'obbligo di prestare servizio ha analizzato la situazione e ritiene che introdurre un servizio volontario porterebbe maggiori svantaggi.

Il gruppo teme che ciò «si ripercuoterebbe negativamente sul lavoro di pubblica utilità». Ritiene che le domande di servizio civile su base volontaria«saranno probabilmente poco numerose». Inoltre, il gruppo di studio teme che «si possa instaurare una concorrenza con i lavoratori meno qualificati». Nel complesso, il governo condivide il punto di vista del gruppo di studio e non vede la necessità di modificare la Costituzione. Lo scorso 28 giugno il Consiglio federale ha però incaricato il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) di analizzare insieme a quello dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), sulla base del modello norvegese (servizio militare obbligatorio anche per le donne), vari elementi relativi all'evoluzione del sistema sul lungo periodo.

settembre 1, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Europa, Giovani e rappresentanza, Idee, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

San Pancrazio (BR), muore in un incidente volontaria del servizio civile

Nella notte del 28 agosto, in un incidente d'auto sulla strada provinciale che collega Oria a Torre Santa Susanna, nel brindisino, è morta Susanna Carrozzo, volontaria in servizio civile del Comune di San Pancrazio Salentino (BR). «L'Amministrazione comunale, i dipendenti comunali, l'OLP e i volontari di servizio civile del Comune di San Pancrazio Salentino - scrive in una nota la Responsabile del progetto -, esprimono la vicinanza alla famiglia che si è vista strappare la giovane vita di Susanna. Susanna aveva 30 anni, abitava a Torre Santa Susanna, laureata, a settembre prossimo avrebbe concluso la sua partecipazione al progetto "A scuola ci vado". Non ci sono parole per esprimere il dolore».

agosto 29, 2017 nella Giovani e rappresentanza | Permalink | Commenti (0)

Lazio, Regione recepisce modifiche a legge servizio civile regionale

Lo scorso 5 agosto il Consiglio regionale del Lazio, approvando il Collegato al bilancio, ha apportato con l’art. 5 anche alcune modifiche alla Legge regionale 9/2017, istitutiva del Servizio civile regionale, approvata a maggio scorso ed entrata in vigore ilo 15 giugno. Si tratta in particolare dell'abolizione del divieto di iscrizione per gli Enti presenti nell'albo del servizio civile universale all'albo del servizio civile regionale, previsto all’art. 6, comma 6, della legge. La norma, pensata per salvaguardare gli enti più piccoli del sistema regionale del servizio civile, rischiava infatti di essere impugnata dal Consiglio dei Ministri, in quanto ritenuta incostituzionale. A questo link è disponibile il testo approvato dal Consiglio regionale con le modifiche alla legge.

agosto 22, 2017 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Regioni, Riforma SC, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Corpo europeo di solidarietà: primi volontari in Italia a Norcia

Il 17 agosto scorso è arrivato a Norcia il primo gruppo di volontari del corpo europeo di solidarietà per aiutare a riparare i danni e ripristinare i servizi sociali per le comunità locali colpite dai gravi terremoti verificatisi nella regione un anno fa. I 16 giovani volontari del corpo europeo di solidarietà che partecipano al progetto "Gioventù europea per Norcia" guidato dall'organizzazione italiana "Kora" contribuiranno a ricostruire gli edifici storici gravemente danneggiati dal terremoto, fra i quali la basilica di San Benedetto e il monastero dei Benedettini. Essi collaboreranno inoltre con i giovani e gli anziani di Norcia, organizzando seminari, attività all'aperto e manifestazioni culturali.

Tibor Navracsics, Commissario europeo per l'Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport, ha dichiarato: «Meno di un anno dopo che il presidente Juncker ha annunciato l'idea di istituirlo, il corpo europeo di solidarietà è già pienamente operativo e fornisce assistenza a coloro che ne hanno bisogno. Norcia e i suoi cittadini hanno sofferto duramente, e sono fiero dei giovani europei che con la loro solidarietà stanno aiutando questa comunità a riprendersi. Attendo con impazienza di vedere di persona i progetti e incontrare i volontari e le autorità locali durante la mia visita del 4 e 5 settembre. Con il loro impegno, volto soprattutto a ricostruire la storica basilica di San Benedetto, questi giovani stanno anche gettando un ponte fra il passato dell'Europa e il suo futuro: un importante contributo all'imminente Anno europeo del patrimonio culturale». I volontari diretti a Norcia provengono da Austria, Francia, Grecia, Ungheria, Portogallo e Spagna per partecipare a uno dei tre progetti attualmente selezionati nel quadro del corpo europeo di solidarietà per le attività nelle regioni italiane colpite dal terremoto. Nel settembre di quest'anno altri membri del corpo europeo di solidarietà prenderanno parte agli altri due progetti, guidati rispettivamente dall'organizzazione Arcs-Arci Culture Solidali e dal Comune di Pescara. Saranno in totale 230 i membri del corpo europeo di solidarietà che sosterranno le comunità italiane colpite da terremoti fino al 2020, e 790 000 gli euro concessi per tali progetti.

agosto 21, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Europa, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

12 agosto, Giornata internazionale dei giovani come "costruttori di pace"

Youth-Building-Peace-International-Youth-Day-900x400Domani 12 agosto è la Giornata internazionale dei giovani (Youth International Day), dal titolo “Youth Bulding Peace”, ispirato alla risoluzione 2250, un documento emanato a fine 2015 dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU e interamente dedicato al ruolo dei giovani all’interno dei processi di sicurezza nazionale. «Una chiara richiesta agli Stati membri di coinvolgere giovani leader nella lotta al terrorismo e nei processi di riconciliazione ricorda un articolo di "Reti Solidali", in un momento storico in cui circa 600 milioni di giovani (donne e uomini) vivono in zone di guerra e sono esposti al rischio di reclutamento in frange estremiste». Sugli sviluppi della risoluzione 2250 "Reti Solidali" ha parlato con Renato Cursi, membro del gruppo di lavoro “Giovani, pace e sicurezza” presso il Centro Studi Difesa Civile, che cita tra l'altro anche l'esperienza dei "Corpi civili di pace".

agosto 11, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza | Permalink | Commenti (0)

Marche, cordoglio per scomparsa volontaria in servizio civile

Nella notte del 6 agosto, a Civitanova Marche (MC), una volontaria di Servizio Civile Nazionale con i Salesiani ha perso la vita travolta da un’automobile sulla statale adriatica, mentre rientrava a casa. «Sin da piccola Elisa Sbrescia si è dedicata agli altri, frequentando gli Scout e collaborando con la Caritas cittadina - ricorda un comunicato dei "Salesiani per il sociale" -. L’anno scorso ha deciso di impegnare 12 mesi insieme ai ragazzi dell’oratorio salesiano della città, diventando volontaria di Servizio Civile presso la struttura. Avrebbe terminato la sua esperienza il prossimo 11 settembre (il 3 settembre avrebbe compiuto 22 anni)».

«La morte – riferisce don Giovanni D’Andrea, presidente di Salesiani per il Sociale - è un evento certo ma difficilmente prevedibile che interessa la vita di ciascuno di noi. Quando essa giunge di notte e in modo drammatico, strappando la vita ad una ragazza piena di risorse, la tristezza invade il nostro cuore. Così purtroppo è stato per Elisa, 21 anni di Civitanova Marche dove stava svolgendo il Servizio Civile nel nostro Oratorio Centro Giovanile». «Quando è giunta la notizia sono rimasto impietrito, una giovane vita spezzata da un'auto sulle strisce pedonali. Sono questi i momenti nei quali la Fede può rappresentare l'unica consolazione, ma questo non è facile, per nulla. Sappiamo dell'entusiasmo che Elisa metteva in quello che faceva nello svolgere le attività in Oratorio nell'ambito del Servizio Civile. Questa giovane ha sicuramente seminato del bene e sicuramente il Signore la ricompenserà per questo, chiamandola nella sua gloria. Al Dio della vita chiediamo anche di dare forza e consolazione alla mamma e al fratello di Elisa perché possano vivere questa non facile prova». Tutto l’ufficio nazionale di Salesiani per il Sociale insieme alla segreteria ispettoriale di Servizio Civile dell’Italia Centrale e alla CNESC si uniscono al dolore della famiglia.

agosto 9, 2017 nella Esperienze, Giovani e rappresentanza, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Piemonte, a Verbania il servizio civile tutela territorio e aiuta con il lavoro

Verbania-paesaggioA Verbania il servizio civile e il volontariato diventano strumento per valorizzare il territorio e per un'attività di lavoro. Si sta svolgendo infatti dallo scorso 18 luglio a Verbania GoGreenTour 2017, una coproduzione italo-croata dedicata alla promozione del turismo sostenibile, ideata dalla start-up Electric Land insieme al Parco Nazionale Val Grande, con la partecipazione fondamentale dei ragazzi del servizio civile. «La sfida di questa operazione innovativa - racconta Tatjana Iveges, giovane fotografa croata ospitata a Verbania grazie al Programma Erasmus per Giovani Imprenditori, che ha curato la sceneggiatura dello spettacolo e la redazione di tutti i testi in inglese -, è di far conoscere il Parco ai turisti stranieri direttamente dentro ai campeggi, promuovendo al tempo stesso comportamenti sostenibili, quali un corretto utilizzo della risorsa idrica (tema di grandissima attualità) e la raccolta differenziata dei rifiuti, nell'Anno Internazionale del Turismo Sostenibile dichiarato dall'ONU».

Ogni serata si conclude con la proiezione di due video in quota inediti, interamente realizzati da Lorenzo Centore, Luca Fidanza e Andrea Travaglino durante il loro anno di servizio civile nel Parco appena concluso. Lorenzo si occupa anche dell'animazione con i bambini, affiancato sul palco da Desirèe Croce, che sta facendo il suo servizio civile in biblioteca, e al microscopio da Beatrice Crosa Lenz, in servizio presso il Parco fino ad ottobre. Una scelta non casuale : anche Pietro Capriata (coordinatore del progetto) e Daniela Ferzola (autrice di tutte le animazioni video) arrivano da un anno di servizio civile. Sono stati assunti dalla start-up e ora stanno cercando di consolidare il loro posto di lavoro, inventandosi ogni giorno cose nuove nell'Atelier digitale che hanno aperto nel 2016 ridando vita ad un ex circolo operaio a Verbania.

agosto 7, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Europa, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Trento, oggi Assemblea servizio civile universale provinciale

ScupÈ in svolgimento oggi a Trento, presso il Collegio Arcivescovile, l’Assemblea generale del Servizio Civile Universale Provinciale (SCUP), per la quale sono stati convocati i 397 giovani che stanno prestando attualmente servizio civile. «L’assemblea - spiega una nota della Provincia Autonoma di Trento - è un momento in cui tutti i ragazzi in servizio civile possono incontrarsi e conoscersi. È un modo per sapere cosa fanno gli altri e per confrontarsi. È un luogo di discussione e di dibattito sul servizio civile ma anche sui temi e i motivi della cittadinanza attiva». «Questa edizione sarà caratterizzata dal tentativo di fare una fotografia del servizio civile in corso, attraverso la voce dei partecipanti. Una sorta di gigantesca operazione ascolto, che si articolerà in 4 macrotemi e 12 sottotemi. Le tematiche principali sono le seguenti: “Il ruolo del servizio civile nelle organizzazioni”, “La gestione dei progetti di servizio civile”, “Il valore sociale del servizio civile”, “Mondo del lavoro e servizio civile”. Dopo aver dedicato la mattinata ai lavoro nei gruppi, i giovani assisteranno ad uno spettacolo di teatro civile e avranno modo di discutere sulle sintesi dei quattro macrotemi», conclude la nota stampa.

agosto 2, 2017 nella Appuntamenti, Esperienze, Giovani e rappresentanza, Regioni, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)

Servizio civile, pubblicate indicazioni Dipartimento su recupero posti

Con una nota pubblicata giovedì scorso sul suo sito il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale ha comunicato le modalità di "recupero" dei progetti che non hanno ricevuto un numero di candidature sufficiente a coprire i posti previsti dai bandi del 24 maggio 2017. «Al fine di assicurare la copertura di tutti i posti disponibili - scrive il Dipartimento - si richiama l’attenzione degli enti titolari dei progetti e dei candidati su quanto dichiarato da questi ultimi nella domanda – allegato 2 al Bando – qualora a seguito delle selezioni effettuate i volontari risultino idonei non selezionati: ossia la possibilità ad "essere assegnati a qualsiasi altro progetto di servizio civile contenuto nel presente bando presentato dallo stesso ente o da altro ente nell’ambito della stessa regione che abbia, al termine delle procedure selettive, posti disponibili o che si siano resi successivamente disponibili al termine delle procedure selettive, a seguito di rinuncia o impedimento da parte dei volontari già avviati al servizio». Le stesse indicazioni valgono anche per i progetti all’estero.

Nella nota si precisa anche che i giovani che al termine della selezione siano risultati idonei non selezionati e non siano stati ricollocati in progetti dello stesso ente, «potranno contattare gli enti titolari di progetti o sedi di progetto ubicati nella stessa Regione con posti non coperti, di cui all’allegato elenco, per manifestare la propria disponibilità ad essere avviati al servizio civile in un altro ente. In quest’ultimo caso ricevuta la predetta richiesta gli enti valutano l’inserimento dei nuovi candidati nei progetti con posti non coperti».

luglio 31, 2017 nella Bando nazionale, Giovani e rappresentanza, Normativa e progetti, Storia del SC | Permalink | Commenti (0)